Macchine per trivellazione - Macchine per sondaggi - Pompe da fango Duplex a pistoni - Aste da trivellazione
Tavole Rotary - Argani - Chiavi automatiche - Morse - Teste di rotazione - Attrezzature speciali

logo Cometria

NEWS

geofluid

 


 

COMUNICATO STAMPA

Un Premio “unico al mondo” per la promozione di una cultura dell'acqua

         All'Università di Padova  la proclamazione dei vincitori della VII edizione
del Premio “Elio Botti – Come Acqua Saliente”  per la Ricerca e la Comunicazione
La cerimonia durante il convegno dedicato alla perforazione eco-sostenibile
un evento nell'evento che valorizza il prestigio dell'iniziativa

Federico Zambon, con una sonda geotermica brevettata, vince il premio per la Ricerca
l'Associazione Malati Oncologici di Carpi  e il Circolo fotografico “Maldotti” di Guastalla
si aggiudicano ex-aequo il Premio per la Comunicazione
ad Amelia De Lazzari, del CNR di Venezia, la Menzione Speciale per la sezione Fuori Concorso
Menzioni per la Ricerca a Marcello Bernardi ed Enrico Conchetto

al Prof. Luigi Da Deppo dell'Università di Padova conferito il Premio alla carriera
e a Michele Musto la “Goccia”

                             
Padova, 12 giugno 2012 –  Federico Zambon è il vincitore della VII edizione del Premio “Elio Botti – Come Acqua Saliente” per la Ricerca. Il geologo rodigino è stato premiato per la realizzazione di una innovativa sonda geotermica a circuito chiuso con scambio in falda a bassa entalpia, ora coperta da brevetto.
L'AMO -  Associazione Malati Oncologici di Carpi MO e il Circolo fotografico “Maldotti” di Guastalla RE si sono aggiudicati ex-aequo il Premio per la Comunicazione.

Per la Giuria - che si fregia della consulenza straordinaria per la fotografia di Vasco Ascolini e che è presieduta da Corrado Guerra, direttore editoriale di Prima Pagina - con la mostra  Chiare, fresche e dolci acque i fotografi guastallesi hanno "saputo cogliere lo spirito del Premio nella sua completezza, con attenzione ad ogni aspetto dell'acqua, che è stato indagato con sensibilità poetica e professionalità”.
L'AMO è stata premiata “per la potenza e le potenzialità del volume Acqua, che illustra e racconta il lavoro fatto da un gruppo di pazienti e di artisti, i quali, per  rendere più umani – belli ed accoglienti - gli ambienti di cura del Polo radioterapico  “Carlo Carapezzi” dell'Ospedale “Ramazzini” di Carpi, hanno scelto come soggetto l'acqua, identificandola  quale simbolo di speranza e vedendone il suo scorrere come eterna origine della  vita. E proprio la speranza che l'iniziativa di AMO - anche grazie al Premio “Elio Botti - Come Acqua Saliente” - possa diffondersi in altre analoghe strutture e portare sollievo ai malati oncologici, ha costituito per la Giuria un'ulteriore spinta verso la decisione di premiare un'opera e un'iniziativa di straordinario valore, dove l'acqua, attraverso la bellezza delle opere d'arte – siano esse  fotografia, dipinto, scultura o musica - amplifica la sua carica simbolica e aiuta a guarire il corpo umiliato e lo spirito ferito dalla malattia, contribuendo così a restituire l'uomo alla vita”.

Fuori Concorso si è imposta Amelia De Lazzari, ricercatrice del CNR di Venezia e poetessa, per la coppia di liriche “Acqua”.

Una  Menzione  Speciale della Giuria della sezione Ricerca, presieduta da Giancarlo De Carlo, è stata conferita al geologo di Abano Terme PD Marcello Bernardi, per la tesi di Laurea Magistrale "Un approccio innovativo all'esecuzione di prove di pompaggio: la metodologia IPT (Integral Pumping Test) - Applicazione ad una contaminazione da solventi clorurati", e ad Enrico Conchetto, per l’articolo “Tendenze evolutive nella ricarica degli acquiferi sotterranei nell’area di Scorzè”, in fase di stampa nel libro “Atlante Geologico della Provincia di Venezia” (a cura di Andrea Vitturi).

La cerimonia di premiazione, che si è svolta oggi a Padova, presso la sede del Dipartimento di Geoscienze, durante l'ormai tradizionale seminario di studio sulla progettazione dei pozzi per acqua, è andata così a costituire un evento nell'evento che si è concluso con l'assegnazione del Premio “Elio Botti” alla carriera al Prof. Luigi Da Deppo, ordinario di Costruzioni Idrauliche nell'Università di Padova, e della Goccia a Michele Musto, dottore in Chimica Industriale, per i suoi interventi su GOCCE, periodico di informazione, scienza e cultura dell'acqua.

Nel corso degli anni, il Premio “Elio Botti” ha guadagnato stima anche all'estero, consolidando la fama di prestigiosa iniziativa per la promozione di una cultura dell'acqua e fregiandosi dell'appellativo di “premio unico al mondo”, come lo ha definito il giornalista Mattias Mainiero, che nel 2008 ha vinto il premio per la Comunicazione.
Non è un caso, allora, se questa VII edizione è stata caratterizzata dall'affermazione di studi e opere provenienti dal Veneto e dall'Emilia, territori dove l'attenzione e la cura del patrimonio idrogeologico sono intimamente connaturati alla loro storia e alla loro civiltà, e forse anche per questo sanno guardare al futuro.

 

Il Premio “Elio Botti – Come Acqua saliente” per la Ricerca e la Comunicazione ha come scopo la promozione di una cultura dell'acqua, quale contributo alla tutela e alla salvaguardia del patrimonio idrogeologico.

E' stato istituito da BOTTI ELIO Impresa di Perforazioni Sas e CO.ME.TRI.A. Srl, aziende adriesi la cui esperienza di quasi sessant'anni nel campo della ricerca, captazione,  estrazione e valorizzazione dell'acqua rappresenta un patrimonio straordinario. Porta il nome del fondatore delle due ditte e richiama entrambe le attività imprenditoriali, rimandando alla definizione e alla simbologia delle acque che l'uomo estrae dalla terra.

Gode del patrocinio di Provincia di Rovigo, Comune di Rovigo, Unindustria Rovigo, Piacenza Expo-Geofluid ed Ente Parco Regionale Veneto del Delta del Po.

E' articolato in tre sezioni: per la Ricerca, per la Comunicazione e  Fuori Concorso.

Presidente è Fabio Botti, titolare della Botti Elio – Impresa Perforazioni.

La Giuria è costituita da docenti universitari, professionisti, giornalisti di autorevoli testate, scienziati, artisti. Ne fanno parte: Marco Chieregato, Giancarlo De Carlo (Presidente della sezione Ricerca) Enrico Marin, Daniel Yabàr Nieto, Pietro Zangheri; Annalisa Bonaretti, Maria Chiara Botti, Corrado Guerra (Presidente della sezione Comunicazione) Ippolito Negri e il M° Vasco Ascolini, quale consulente straordinario per la fotografia.

L'iniziativa, che nel 2010 ha partecipato al programma di Confindustria “Imprese per la Cultura”, fa parte del progetto di carattere scientifico-culturale “Acqua Saliente”, ideato nel 2004 da BOTTI ELIO Impresa di Perforazioni,  in cui rientrano anche l'attività convegnistica e GOCCE, periodico di informazione, scienza e cultura dell'acqua

L'Albo d'oro annovera Daniele De Luigi, l'editore svizzero Casagrande, Mattias Mainiero, Striscia la Notizia, Giuseppe Marino, nella  sezione Comunicazione, mentre nella sezione Ricerca è stato premiato lo scienziato Dardo Oscar Guaraglia dell'Università de La Plata, in Argentina, e si contano studi provenienti dalle Università di Padova, Pisa, Roma, Trieste,
Hanno ricevuto menzioni speciali il settimanale tedesco DIE ZEIT, il mensile L'Europeo, il poeta Roberto Pappacena,  la casa editrice Diabasis.
Infine, nella sezione Fuori Concorso, tra coloro che hanno si sono distinti per iniziative, progetti e attività, compaiono il Dipartimento della Protezione Civile, Italia Nostra, Sangemini, Acque del Chiampo, Acque del Basso Livenza, il Soroptimist, il Centro Italiano di Storia Ospitaliera e IKEA.
Una segnalazione è andata al quotidiano La Stampa.

Il trofeo del Premio e la Goccia sono un'esclusiva della creatrice di gioielli Laura Nocco.

Premio “Elio Botti - Come Acqua Saliente”
Segreteria e Presidenza
Via E. Filiberto, 28 - 45011 Adria  RO
Tel. 0426/22462 - Fax. 0426/900155
E-mail: premio@bottielio.it
Info:    www.bottielio.it
C.F. e P.I. 01193110291

Segreteria Organizzativa
Geo & Drill Service Srl
UFFICIO STAMPA:  Maria Chiara Botti  Cell.  368/286990 

Seminario di Studio
La progettazione dei pozzi per acqua:   “Progettazione e aspetti documentali”
Università, Progettisti e Imprese a confronto
Cerimonia di conferimento del Premio “Elio Botti - Come Acqua Saliente” VII Edizione
Padova, martedì 12 giugno 2012, ore 14.15
Dipartimento di Geoscienze, Via G. Gradenigo, 6  - Aula Arduino

Please consider your environmental responsability before printing this e-mail

I Vincitori della VII edizione – 2012

Premio  per la Ricerca: a Federico Zambon per il dispositivo brevettato: sonda geotermica a circuito chiuso con scambio in falda a bassa entalpia.

Menzione della Giuria (sezione Ricerca) a Marcello Bernardi per la tesi di Laurea Magistrale "Un approccio innovativo all'esecuzione di prove di pompaggio: la metodologia IPT (Integral Pumping Test) - Applicazione ad una contaminazione da solventi clorurati".

e ad Enrico Conchetto per l’articolo “Tendenze evolutive nella ricarica degli acquiferi sotterranei nell’area di Scorzè”, in fase di stampa nel libro “Atlante geologico della Provincia di Venezia” (a cura di Andrea Vitturi).

Premio per  la Comunicazione: ex-aequo ad AMO - Associazione Malati Oncologici di Carpi MO per il volume “Acqua” e  le iniziative ivi descritte realizzate;  e al Circolo fotografico “Maldotti” di Guastalla RE  per la mostra “Chiare, fresche e dolci acque”.

Fuori Concorso: Menzione Speciale della Giuria ad Amelia De Lazzari per la coppia di liriche “Acqua”.

 

 

CO.ME.TRI.A. S.r.l. - Via Emanuele Filiberto, 28 - Adria (Ro) - Italia - P.IVA 00091540294
Telefono +39 0426.21298 - Email: info@cometria.it